Fake it till you make it

Fingi finché non ci riesci. Cosa ne pensi?

Vi ricordate il libro The Big Con (The Story of the Confidence Man) in cui David Maurer, sulla scia degli anni ’30, a seguito della Grande Depressione, pompando la crisi anche emotiva diligante, presentava un personaggio che conteneva carisma, intuito, abilità, coraggio: “L’artista della truffa”. Era una figura che a quel tempo entusiasmava il pubblico sugli schermi del cinema e governava il pensiero collettivo americano. Sarà proprio questa prima descrizione di Maurer che ispirerà in seguito lo sceneggiatore David S.Ward in The Sting (La Stangata).

Continua a leggere